L’acquisto di ARNOLD da parte di AUTODESK!

L’acquisto di ARNOLD da parte di AUTODESK!

La nostra redazione ha raccolto le reazioni del Web e degli addetti ai lavori, provando ad immaginare scenari futuri per il mondo del Render.

 

Autodesk ha acquistato Arnold di Solid Angle, società software madrilena.
Arnold è un programma di render 3D , unbiased e fisicamente corretto utilizzato nell’industria degli effetti speciali.

Giusto per fare qualche nome è il programma di render usato per la realizzazione di: Alice nel Paese delle Meraviglie, Thor, Captain America, X-Men, Piovono Polpette, The Avengers, Pacific Rim e tantissime altre produzioni.

Guarda uno Showreel di ARNOLD

Per molti anni Mental ray è stato il programma di render di base implementato direttamente in 3s MAX, fornendo agli utenti una soluzione avanzata di rendering “OUT OF THE BOX” senza dover acquistare programmi di terze parti.

Da qualche anno poi Autodesk è andato oltre, affiancando IRAY come soluzione PRO della casa, per la realizzazione delle immagini fotorealistiche senza dover ricorrere a soluzioni di terze parti.
Con IRAY è possibile fare render interattivi sfruttando al massimo le schede video NVIDIA.

Grazie alla potenza di calcolo dei CUDA cores delle GPU e sfruttando librerie di materiali ottimizzate, con questo motore di render è possibile ampliare le capacità del proprio PC e superare il limite imposto dalla forza di calcolo della sola CPU.

Nella versione 17 di 3ds Max, rilasciata da poco, Autodesk sembra aver rimescolato un po le carte, da un lato potenziando il motore raytrace nativo della viewport, dall’altro sviluppando un altro motore di render proprietario, facile da usare e con una resa dei materiali e della luce fisicamente accurata: ART Renderer!

In questo video potete apprezzarne velocità e versatilità.

Non è certo all’altezza degli altri motori di render ormai affermati come Vray, Corona Render; Maxwell e lo stesso Iray, ne tanto meno immaginiamo possa entrare in competizione con l’affermatissimo Arnold.
Tutto fa sembrare un morbido passaggio verso l’abbandono progressivo di Mental Ray integrato nella licenza d’uso da ormai tanti anni.

Quindi cosa ne sarà di Mental RAY nel prossimo futuro? Come reagirà ChaosGroup che vedrà minacciata la sua posizione dominante con VRAY nel settore della VFX per l’architettura dal’ingresso in sordina di questo gigante?

Insomma, pare proprio che Autodesk non ne abbia mai abbastanza e, come un grosso buco nero, sembra attrarre a se ogni realtà del’industria della grafica e degli effetti speciali, spaziando dall’architettura alla stampa 3d, dalle soluzioni per l’ingegneria all’animazione, monopolizzando  anno dopo anno ogni comparto di questo settore.

Dovremmo rinunciare sempre più a soluzioni alterantive? Se Autodesk acquistasse tutte le software house del nostro settore poi come si svilupperebbe il mercato?

Riuscirà una software house emergenza a confrontarsi com tale colosso e ad essere competitiva attraendo a se il favore degli utenti?
Lo stesso colosso che è riuscito in poco più di un decennio a fagocitare aziende del calibro di Alias (Maya) e Softimage?

Dobbiamo abituarci ad una progressivo appiattimento dell’innovazione?

Forse si, ma una cosa è certa: comunque vada, nel prossimo futuro ne vedremo delle belle!

TEAM 3DITA